90 Anni Kofc
Fondazione Cavalieri di Colombo
Musei Capitolini
Musei Capitolini

I programmi e le attività dei Cavalieri di Colombo oggi sono ancora collegati a quelle attività che essi svolgevano agli inizi della loro fondazione: difendere i più bisognosi, sia che necessitino di cibo, vestiti, libertà che di rispetto nel praticare la propria fede.
Lo scorso anno, in risposta alla recessione economica, i Cavalieri hanno promosso un incontro sul rapporto tra la carità ed i capitani d'industria, per discutere su come il volontariato potrebbe guidare il paese fuori dalla recessione e promuovere, in America, un sentimento di aiuto reciproco.
Al tempo stesso, i Cavalieri hanno lanciato, a livello nazionale, programmi per la distribuzione di cibo, vestiti ed altri generi di prima necessità per i più bisognosi della comunità. Inoltre, a partire dagli anni Sessanta i Cavalieri hanno lavorato a stretto contatto con gli organizzatori degli "Special Olympics", offrendo sia finanziamenti che migliaia di ore di volontariato per permettere agli atleti portatori di handicap di gareggiare e realizzare i propri sogni.
La salvaguardia del matrimonio e delle famiglie è stata di estrema importanza per i Cavalieri di Colombo sin dal principio: l'Ordine continua a valorizzare la vita e la dignità di ogni persona, nata o non nata. Per questo obiettivo hanno dotato di macchinari ad ultrasuoni i centri ostetrici di tutto il paese, educando cosi le madri sul bambino che portano in grembo.
I Cavalieri hanno anche patrocinato delle conferenze sugli effetti dell'aborto e del divorzio; tra le quali un simposio in collaborazione con l'Istituto Giovanni Paolo II per gli Studi sul Matrimonio e la Famiglia a Roma, nella Pontifica Università Lateranense.
E, in conformità con la loro linea per la tutela della libertà religiosa, i Cavalieri hanno promosso una serie di conferenze su questo tema cooperando con l'Ambasciata Americana presso la Santa Sede.
Infine I Cavalieri sono rapidamente operativi in caso di calamità. Nel periodo immediatamente successivo all'11 Settembre 2001 l'Ordine ha aiutato economicamente le famiglie dei soccorritori periti negli attacchi.
Nel 2005 quando la regione del Golfo degli Stati Uniti fu devastata dagli Uragani Katrina e Rita, i Cavalieri inviarono più di 10 milioni di dollari ed organizzarono innumerevoli ore di volontariato per la rimozione dei detriti e per la ricostruzione.
Più di 125 anni dopo la sua fondazione, l'Ordine continua a servire le comunità del mondo intero, ad aiutare le persone in difficoltà ed a essere al servizio della Chiesa, locale e globale.

Musei Capitolini
Musei Capitolini
Musei Capitolini
Musei Capitolini
Musei Capitolini
Musei Capitolini

Soccorsi nelle catastrofi

Essendo un'organizzazione con membri in tutto il mondo, i Cavalieri di Colombo sono spesso presenti nei casi di calamità naturali e in altri scenari di tragedie umane. Sia quando hanno sostenuto le popolazioni alluvionate del Messico e delle Filippine che quando hanno aiutato le vittime degli uragani Katrina e Rita, sia quando hanno assistito le famiglie del personale di soccorso perito l'11 settembre 2001, che quando hanno inviato sedie a rotelle per i feriti del terremoto che ha sconvolto Haiti quest'anno, i Cavalieri sono una forza potente di volontariato ovunque sia necessario.

Una Civiltà dell'Amore

I Cavalieri di Colombo sono impegnati ad aiutare nel costruire quello che è stato un tema costante nel Pontificato di Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI: "Una Civiltà dell'Amore". Nel costruire le case per le famiglie in difficoltà, nel provvedere ai cappotti per i bambini d'inverno, nell'incoraggiare il volontariato in un momento di recessione globale, nell'assicurare alle truppe all'estero il sostegno per accrescere la loro fede, i Cavalieri ovunque nel mondo sono sempre guidati dai principi fondanti dell'Organizzazione: la Carità e l'Unità.

I Campi oggi

I Campi dei Cavalieri di Colombo a Roma sono ancora utilizzati dalle squadre di calcio locali, dagli ospedali, dai centri di riabilitazione e da molti altri. I campi del nuovo Oratorio di San Pietro (spostati nel 1960 dalla locazione originaria donata dai Cavalieri di Colombo per costruire l'ala Paolo VI) ospitano l'annuale "Clericus Cup", il tanto atteso torneo di calcio al quale partecipano centinaia di seminaristi che studiano a Roma.

Cuori d'Oro

I Cavalieri di Colombo hanno sempre lottato a favore della dignità di tutti, incluso quella di coloro che sono mentalmente disabili. Sin dagli anni '60, l'Ordine è stato coinvolto attivamente nell'organizzazione degli "Special Olympics", fondati da Eunice Kennedy Shriver, moglie di Sargent Shriver, Cavaliere di Colombo e Primo Direttore del "Peace Corps". I Cavalieri aiutano questi giovani atleti a realizzare i loro sogni, sponsorizzando i giochi e offrendo dei volontari instancabili a sostegno dell'evento dei "Special Olympics" a livello locale, nazionale e anche internazionale.

Una continua presenza a Roma

Sponsor accademici, eventi religiosi e culturali, i Cavalieri di Colombo continuano la loro partecipazione attiva a Roma. Nel 2004, i Cavalieri hanno finanziato un grande Concerto di Riconciliazione nella Città del Vaticano, al quale hanno partecipato Papa Giovanni Paolo II, nonché l'ex rabbino capo di Roma e l'Imam della moschea di Roma. Più di recente, l'organizzazione ha patrocinato convegni su tematiche sociali, compreso il divorzio, l'aborto e la libertà religiosa.