100 Anni KofC
Fondazione Cavalieri di Colombo

Padre McGivney formò i Cavalieri di Colombo contro il retroterra di un marcato sentimento anti-cattolico e anti-immigrati nel Nord-Est degli Stati Uniti. Cavalieri di Colombo Cortile San Damaso, Vaticano. 1920.Il giovane religioso, mettendosi al servizio degli immigrati a New Haven, Connecticut, ben presto si accorse della necessità di aiutare le famiglie cattoliche a rimanere nella fede ed aiutare le vedove e gli orfani in un'epoca nella quale i capo famiglia morivano troppo presto e non vi era ancora una rete sociale di protezione. Inoltre, padre McGivney ha cercato di offrire ai cattolici la possibilità di praticare la carità nelle loro Comunità e nel rafforzare le loro rispettive fedi sostenendosi così a vicenda.
L'organizzazione scelse il nome di Colombo, essendo uno dei pochi Cattolici della storia Americana che era tenuto in grande considerazione. Come icona patriottica Colombo ha aiutato l'organizzazione, nel XIX e XX Secolo nel concetto che qualcun possa essere contemporaneamente un buon cattolico e patriota Americano.
Padre Michael J. McGivney visse soltanto otto anni dopo aver fondato i Cavalieri. Morì all'età di 38 anni come molti altri sacerdoti che in quell'epoca morirono per aver contratto una malattia durante il loro instancabile lavoro con i malati in precarie condizioni sanitarie.
Cavalieri di Colombo Cortile San Damaso, Vaticano. 1920.Centinaia di persone andarono ai funerali, ispirate dalla modestia del religioso la cui visione aveva ispirato un movimento chiaramente in grado di esplodere e crescere attraverso la Nazione.
Dal 1897 - meno di 10 anni dopo la morte del padre McGivney – i Cavalieri di erano diffusi negli Stati Uniti, anche in Canada. Seguirono le Filippine ed il Messico nel 1905, insieme a Cuba e a Panama nel 1909. Negli stessi periodi i Cavalieri lanciarono nuove sfide come parlare contro il bigottismo e a favore dei diritti civili e religiosi cattolici negli USA e nel mondo.
La missione dei Cavalieri, fondata per aiutare e proteggere i più indifesi nella società, rimane la stessa da oltre 135 anni.